IMPORTANTE SUCCESSO INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIVISEZIONE

banner corteo 5 marzo 2001 a milano

Un paio di mesi fa abbiamo mandato un resoconto delle attività internazionali contro le torture della vivisezione nel 2010, soprattutto dei successi ottenuti grazie a campagne di protesta. In quel resoconto abbiamo menzionato la nascente campagna internazionale contro la linea area Amerijet, la più grande compagnia di cargo degli Stati Uniti, responsabile del trasporto di primati per i laboratori. Adesso, dopo pochi mesi, possiamo finalmente diffondere una grande vittoria.

A febbraio, dopo solamente pochi mesi di proteste e denuncia pubblica del coinvolgimento di Amerijet nella morte e la sofferenza di migliaia di animali, la campagna ha finalmente ottenuto il risultato sperato:  Amerijet ha definitivamente sospeso i trasporti di animali per i laboratori e anche di scimmie destinate agli zoo! La loro dichiarazione di impegno è stata pubblicata sul loro sito ed è stata inviata via lettera firmata dall’amministratore delegato alle campagne e le associazioni che hanno portato avanti la protesta.
Ricordiamo che Amerijet era l’unica linea area che trasportava scimmie della varietà Chlorocebus Sabaeus e Chlorocebus Aethiops, utilizzate dai vivisettori americani e australiani, provenienti esclusivamente dalle isole di Saint Kitts & Nevis, nei Caraibi, dove vengono

images

Chlorocebus Aethiops in libertÃ

catturate nelle foreste e portate in un allevamento che rifornisce i laboratori.
In seguito alla campagna di proteste il Primo Ministro delle isole Saint Kitts & Nevis si era scomodato a difesa dei vivisettori e implorando Amerijet di non cedere alle pressioni degli animalisti, temendo che se Amerijet scegliesse di cessare questi trasporti l’allevamento avrebbe dovuto affrontare la chiusura. Cosa che riteniamo adesso molto probabile.

Questo successo non deve essere preso alla leggera. Avrà un grande effetto sul mondo della vivisezione. Così come lo hanno avuto le campagne che hanno costretto alla chiusura decine di allevamenti di animali “da laboratorio”, che hanno convinto a fermare le esportazioni di primati dal Nepal e da Israele, che hanno portato alla chiusura di tanti laboratori in tutto il mondo.
Sono solo la riprova che è lottando, facendo sentire la voce nostra e degli animali torturati, che si ottengono risultati.
Ogni successo è uno stimolo a volerne sempre di più.
Il prossimo speriamo sia la chiusura di Green Hill, ma questo dipende anche da tutti voi!

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Commenti chiusi.